2 gennaio 2016

Casa Scaccabarozzi "Fetta di polenta"

La “Fetta di Polenta”
l’edificio più curioso di Torino

L'edificio  fu  progettato da Alessandro Antonelli (più noto per essere il costruttore della Mole Antonelliana) sul suo stesso terreno, fu una scommessa più che una vera e propria esigenza di costruzione. 
La forma triangolare molto stretta (16 m x 5m x 54cm), fa comprendere l’originalità della costruzione.
E' alto complessivamente 24 metri, 9 piani, di cui 2 sotterranei, collegati da una piccola scala in pietra.
Nel lato di 54 cm, la canna fumaria.
L’altezza complessiva dello stabile è di 24 metri.
I primi tre piani furono ultimati nel 1840, tre furono aggiunti successivamente nel 1881.
Il nome "Fetta di polenta" attributo dai Torinesi, per la forma e il colore giallo dell’edificio, proprio come una fetta di "polenta".

Il nome originale del palazzo prende il nome dalla moglie di Antonelli, Francesca Scaccabarozzi, dove abitarono per qualche anno, visto che nessuno voleva abitarci temendo il crollo della costruzione così anomala per l’epoca.