17 febbraio 2012

L'ingegnere che fece volare il primo aereo italiano


Aristide Facciolinato a Bologna nel 1848 e morto a Torino nel 1920, fu il precursore dell'aeronautica italiana.

Nel 1909, nello stabilimento S.P.A. (Società Piemontese Automobili) di corso Ferrucci 122 a Torino, progettò e costruì il primo aereo interamente italiano. 
Il breve volo di prova avvenuto sui prati di Venaria Reale, 20 metri di altezza, si concluse con la distruzione dell'apparecchio, pilota Mario Faccioli, figlio dell'inventore.

Mario uscì illeso dall'incidente, pronto a salire sul “Faccioli 2” e a compiere alcuni brevi voli tra maggio e giugno , fino a un nuovo incidente, non grave. Fatale gli sarà invece un terzo incidente nel 1915. In preda ai sensi di colpa, Aristide Faccioli si tolse la vita quattro anni dopo (28 gennaio 1920).
Una lapide posta sulla facciata della palazzina di corso Ferrucci 122 ricorda  l'importante avvenimento.


5 commenti:

  1. Un evento molto importante che merita di essere ricordato

    Avere un buon fine settimana.

    http://ventanadefoto.blogspot.com/

    RispondiElimina
  2. ma manca una riga nel post??? ...Mario Faccioli, figlio dell'inventore...e poi? E' rimasto ferito? E' morto? Non ne so assolutamente nulla...

    RispondiElimina
  3. grandi personaggi ! un giusto riconoscimento il tuo , ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grandi personaggi, che purtroppo si conosce poco.
      ciaoo

      Elimina